Inertizzare e riutilizzare l’AMIANTO? si può! La storia di MICROWASTE

Nel settore della bonifica opera da una paio d’anni Microwaste, una startup di I3P l’incubatore universitario italiano di Torino, per affrontare in modo ecologico su scala nazionale e internazionale, il problema dei rifiuti contenenti #AMIANTO

La startup converte i rifiuti contenenti amianto in un materiale SICURO mediante impianti mobili, basati su tecnologia a microonde. Il processo di inertizzazione consiste nel riscaldamento ad alte temperature dell’amianto (1000-1500 0C), che ne modifica completamente la sua struttura chimica e lo rende INNOCUO per l’uomo e l’#AMBIENTE. Tale trattamento permette di eliminare completamente la cancerogenicità di questo materiale e si trasforma in Atonit, che, aggiunto al cemento, crea un o speciale composto da costruzione con proprietà simili al cemento pozzolanico.

Meglio che finire in discarica?

https://www.tekneco.it/ambiente/amianto-da-rifiuto-a-risorsa-l-idea-di-microwaste

Please follow and like us:

Gli INCENDI non si fermano: Milano come Mortara, Parona,Corteolona e non solo

la sera del 14 ottobre Milano invasa dal fumo di un incendio in zona Quarto Oggiaro

Il sindaco Giuseppe Sala ammette il problema delle ECOMAFIE: “Non ho mai provato a dire che il problema della mafia e delle ecomafie non esiste qui, anzi, esiste qui come altrove. Se ne parla poco”.

Parliamone dunque!

http://www.ansa.it/lombardia/notizie/2018/10/16/incendiforte-odore-fumo-in-zone-milano_25a9b781-78bf-4f86-8503-cbff5423342f.html

Please follow and like us:

FANGHI e idrocarburi: è un successo?

Partiamo dalle origini:

nel 1992 il limite di IDROCARBURI consentito nei fanghi per NON DANNEGGIARE la SALUTE collettiva era stato di 50 mg per kg di sostanza secca

nel 2017 questo limite fu portato dalla giunta Maroni a a 10.000 mg per kg di sostanza secca (200 volte in più rispetto il valore soglia del 1992).

65 coraggiosi comuni del lodigiano e del pavese fecero ricorso al Tar che nel 2018 diede loro ragione.

Regione Lombardia fece ricorso al ricorso in parallelo allo sciopero delle ditte fanghiste di ritirare il dovuto. La soluzione alternativa individuata di stoccare i fanghi nel sito di Corteolona avrebbe dato autonomia sino a metà novembre

Di questi giorni l’inserimento nel Decreto Genova dell’art 41 che definisce il limite di idrocarburi nel fango NON essicato pari a 1000 mg per kg, che in termini di fango secco diventa 5.000 – 7.000 mg/kg (100 volte in più rispetto il valore soglia del 1992).

Contenti i fanghisti che riprenderanno presto la loro attività, analizzando loro stessi i fanghi da spandere nel terreno.

Meno contenti i comuni che hanno ripreso la lotta a tutela dei SALUTE pubblica in 59.

Ma soprattutto: è stato davvero un SUCCESSO ?

Please follow and like us:

LINAROLO, 5 ottobre 2018: la locandina e i relatori dell’evento a tema FANGHI

Nella Sala Consiliare G. Falcone di Linarolo (PV) in via S. Leonardo 4 si svolgerà una serata a tema “Fanghi”.

Invitiamo i cittadini a partecipare: parleremo di FANGHI perché tra un ricorso e l’altro sembra si sia perso il punto di vista primario: la tutela della nostra salute e dell’ambiente che ci circonda.

Teniamo alta l’attenzione e non diamoci per vinti, ma soprattutto RifiutiAMOci di SUBIRE passivamente! Combattiamo la cecità istituzionale e la cecità di molti cittadini che ancora giustificano certe politiche scellerate, informandoci e informando.

Parliamo di Fanghi il 5 ottobre ore 21 a Linarolo (PV), partecipiamo numerosi

Please follow and like us:

Inizio lavori Ecotrass a Mortara

Iniziati anche i lavori per la nuova sede della Ecotrass a #Mortara per il trattamento #FANGHI, sito manifestamente NON voluto dalla cittadinanza, dall’amministrazione locale e dai comitati ambientalisti locali, ma comunque in via di esecuzione. Questo nonostante il ricorso al Tar presentato dal municipio sia ancora pendente (se ne discuterà nel febbraio 2019). NON DIMENTICHIAMO che questo di Mortara sarà il 13esimo impianto autorizzato a produrre fanghi in provincia di #Pavia, territorio che ha il RECORD degli spandimenti, ove vengono sparsi un quinto del totale prodotto a livello NAZIONALE (2 milioni di tonnellate) e la metà dell’intera Lombardia (800 mila tonnellate l’anno)! Ricordiamo anche che i primi cinque centri per spandimenti al momento sono #Gambolò (47.910 tonnellate all’anno), #Mortara (35.398), #Vigevano (31.231), #Garlasco (26.333), #Tromello (25.563).
Siamo i soli a pensare che la CONCENTRAZIONE sia un tantino ECCESSIVA?

Please follow and like us:

L’#AMIANTO non perdona!

L’#AMIANTO non perdona! E’ stato messo al bando da più di 50 paesi e dal 1992 anche in Italia ne è vietata la produzione, l’estrazione, l’importazione e la commercializzazione perché PERICOLOSO per la #SALUTE. Malattie CRONICHE respiratorie e TUMORI polmonari e pleurici sono la conseguenza delle POLVERI che vengono respirate quando comincia a degradarsi. Per chi avesse ancora dubbi l’amianto è CANCEROGENO!

per approfondimenti: www.multimedica.it/news/amianto-e-polmoni/www.informazioneambiente.it/eternit/blogunisalute.it/rischio-amianto-come-prevenire/

Please follow and like us:

Inizio lavori alla discarica di Ferrera Erbognone

Sono iniziati i lavori della più grande #DISCARICA di #AMIANTO in Europa a #FerreraErbognone nei pressi della Raffineria ENI di #Sannazzaro e degli annessi metanodotto, oleodotto e ossigenodotto: in una zona a vocazione AGRICOLA già ampiamente provata da un punto di vista ambientale è lecito pensare che siamo di fronte a una GRAVE situazione di PERICOLO per la #SALUTE dei cittadini dato che le fibre si possono disperdere nell’#ARIA e nell’#ACQUA di falda?

Please follow and like us:

E io pago!

Saranno temporaneamente raccolti a #Corteolona presso il centro A2A Ambiente i #fanghi dei depuratori lombardi che non rispettano i limiti di legge e saranno o utilizzati nei campi AGRICOLI o inceneriti a seconda di come evolverà la giurisprudenza. MA l’aumento dei COSTI che sono preannunciati in entrambe le alternative, dove ricadranno??? sulle bollette dei cittadini ??!! ……..

Please follow and like us:

time limit

E’ il 20 agosto la data stimata quale termine ultimo di autonomia dei depuratori affinché le normative sui #FANGHI siano modificate a favore delle società che dovrebbero ritirarli e smaltirli secondo canoni di legge, oltre quella data sarà EMERGENZA SANITARIA: un gioco forza delle società fanghiste con Regione Lombardia volto a influenzare le normative a livello nazionale al vaglio in questi giorni? Ricordiamo che il blocco nel ritiro dei fanghi è dovuto alla sentenza del Tar che ha ACCOLTO il RICORSO dei sindaci pavesi e lodigiani contro l’innalzamento di 200 volte del valore limite degli #idrocarburi consentiti, ricorso fatto per TUTELARE la #SALUTE dei loro concittadini. Dall’accoglimento del ricorso al blocco del ritiro il passo è stato immediato.

Please follow and like us:

ma diamo i numeri?

Diamo i numeri sulla proposta dei valori soglia delle sostanze contenute nei #fanghi con particolare riferimento agli #idrocarburi che la giunta Maroni innalzò di 200volte: era il 1992 quando il limite consentito fu individuato in 50mg per kg di sostanza secca, a TUTELA della #SALUTE pubblica. Questo limite nel 2017 fu portato a 10.000mg per kg di sostanza secca (200 volte in più rispetto il valore soglia del 1992) e di questi giorni la proposta di portarlo a 5.000mg per kg di sostanza secca per venire incontro alle “esigenze” di tutti. Da un innalzamento di 200 volte si dimezza a un innalzamento di 100 volte: è così che si TUTELA la SALUTE pubblica?

Please follow and like us: