da TelePavia del 22/02/2019

Numerose associazioni ambientaliste e comitati di cittadini, uniti nel gruppo denominato “RifiutiAMOci”, hanno promosso una petizione online sul sito change.org contro la costruzione della terza caldaia dell’inceneritore di Parona. Solo il 20% dei rifiuti che passano dall’inceneritore di Lomellina Energia, infatti, provengono dalla provincia di Pavia.

Please follow and like us:

io dico NO! l’ambiente è il polmone della nostra vita

i cittadini dicono e motivano il loro NO! all’ampliamento dell’inceneritore di Parona Lomellina

nel video la testimonianza di una cittadina

“io dico NO! perché l’ambiente è il polmone della nostra vita

Please follow and like us:

Parona s-venduta? sempre più rifiuti in arrivo dal sud

Parona Lomellina incasserà 480 mila euro annui per far arrivare #rifiuti dal sud Italia e mantenere attivo l’inceneritore.

Questo il prezzo della #salute dei cittadini della provincia di Pavia.

Questo l’incasso con cui il Comune di Parona Lomellina terrà in attivo il bilancio e promette di costruire opere importanti.

Una terra bellissima e già sofferente che ancora una volta vede anteporre l’interesse economico alla sua integrità.

I dettagli dei conti nell’articolo seguente https://ilnuovolomellino.it/articolo/la-lomellina-resta-capitale-dei-rifiuti-miliardi-di-chili-in-arrivo-da-napoli-al-termo-di-parona?fbclid=IwAR0xDkJKTc78FDFegY-dzRR3kiXVfJLbJ3pi9XfSWD96Ek-DWwdYQhcD5K4

http://www.rifiutiamoci.it/parona-divieto-di-consumo-di-uova-e-carni-di-galline-locali-dal-2011/

Please follow and like us:

RIFIUTI e AMIANTO a PIEVE DEL CAIRO: la locandina dell’evento

Nella Sala polifunzionale del comune di Pieve del Cairo (Pv) in via Piazza Guglielmo Marconi 6, il 22 Febbraio si svolgerà una serata a tema “RIFIUTI e AMIANTO”.

Invitiamo i cittadini a partecipare: parleremo di RIFIUTI e AMIANTO perché tra  la nascente DISCARICA DI AMIANTO e gli spargimenti di FANGHI  nei pressi di due INCENERITORI in una zona a VOCAZIONE AGRICOLA sembra si sia perso il punto di vista primario: la tutela della nostra SALUTE e dell’AMBIENTE che ci circonda.

Teniamo alta l’attenzione con una serata che affronti queste tematiche e non diamoci per vinti, ma soprattutto RifiutiAMOci di SUBIRE passivamente! Combattiamo la cecità istituzionale e la cecità di molti cittadini che ancora giustificano certe politiche scellerate, informandoci e informando.

Parliamo di RIFIUTI e AMIANTO il 22 Febbraio ore 21 a Pieve del Cairo (PV), partecipiamo numerosi.

http://www.rifiutiamoci.it/lamianto-non-perdona/

http://www.rifiutiamoci.it/riso-e-amianto-dalla-lomellina-presto-sulle-nostre-tavole/

http://www.rifiutiamoci.it/inizio-lavori-alla-discarica-di-ferrera-erbognone/

Please follow and like us:

B come Bioaccumolo

Si parla sempre più spesso di ” bioaccumolo “, ma cos’è ?

Il bioaccumolo è il processo attraverso cui sostanze tossiche inquinanti – come per esempio le DIOSSINE  – si insediano e si accumulano nell’organismo in concentrazioni superiori a quelle riscontrate nell’ambiente circostante. Questo accumulo può avvenire per via respiratoria, ingestione o semplice contatto, in funzione del tipo di sostanza.

La pericolosità della diossina è dovuta alla persistenza negli ecosistemi in quanto non si volatizza con l’aria né si scioglie con l’acqua: trasportata dalle correnti atmosferiche, in virtù della sua volatilità, ricade in zone anche molto distanti da quella di origine, contaminando l’acqua ed il terreno, per poi passare nell’alimentazione animale e da qui all’uomohttp://www.my-personaltrainer.it/salute/diossina.html

ricordiamo a questo proposito:

Mortara, Corteolona e Parona: il TRIANGOLO della diossina:

Parona, divieto di consumare uova locali dal 2011

 

 

Please follow and like us:

Fanghi radioattivi a Mortara (PV) dal 2008 al 2015

Dopo il riso all’amianto e quello ai fanghi, un’altra specialità culinaria si affaccia sulla nostra tavola: il RISO RADIOATTIVO.

Dobbiamo però parlare al passato perché sembrerebbe che dal 2015 la prelibatezza sia andata esaurita con lo spandimento su 196 ettari di TERRENO AGRICOLO  di #fanghi radioattivi, frutto di 5.000 tonnellate di percolato bresciano al cesio 137, omaggiato anni prima al depuratore di Mortara e lì mal gestito.

A completezza, per l’Agenzia Regionale per la PROTEZIONE dell’ambiente –  ARPA –  il pericolo radioattivo per la #salute non sussiste.

Quindi buon risotto e buon appetito ….

per approfondimenti:  https://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2019/01/17/news/mortara-acque-radioattive-per-sette-anni-nel-depuratore-1.17663527

https://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2019/01/23/news/l-acqua-contaminata-dal-cesio-usata-per-riso-pesci-e-carni-1.17684515?ref=fbfpp

 

Please follow and like us:

RIFIUTI, parliamone a BORNASCO: la locandina

Nella Sala Consiliare del comune di Bornasco (Pv) in via Trento 4, il 1° Febbraio si svolgerà una serata a tema “RIFIUTI”

Invitiamo i cittadini a partecipare: parleremo di RIFIUTI perché tra la raccolta non-differenziata, gli spargimenti di FANGHI, i tetti di AMIANTO in una zona a VOCAZIONE AGRICOLA sembra si sia perso il punto di vista primario: la tutela della nostra SALUTE e dell’AMBIENTE che ci circonda.

Teniamo alta l’attenzione con una serata che affronti queste tematiche e non diamoci per vinti, ma soprattutto RifiutiAMOci di SUBIRE passivamente! Combattiamo la cecità istituzionale e la cecità di molti cittadini che ancora giustificano certe politiche scellerate, informandoci e informando.

Parliamo di RIFIUTI il 1° Febbraio ore 21 a Bornasco (PV), partecipiamo numerosi

Please follow and like us:

Riso e Fanghi dalla Lomellina, sempre più presenti sulle nostre tavole

Continuano i lavori nell’impianto di trattamento #FANGHI di Mortara, non graditi dalla cittadinanza che confida nel buon esito del ricorso presentato dal Comune al Tar e che dovrebbe avere riscontro nel prossimo mese di Febbraio.

NON DIMENTICHIAMO che questo di Mortara è un impianto autorizzato a produrre fanghi in un provincia con un territorio che ha il RECORD degli spandimenti, ove vengono sparsi un quinto del totale dei fanghi prodotti a livello NAZIONALE (2 milioni di tonnellate) e la metà dell’intera Lombardia (800 mila tonnellate l’anno)!

A circa 15 km di distanza da Mortara, a Lomello fervono intanto i preparativi per la ripresa attività della Cre che proprio a Febbraio dovrebbe riprendere i lavori di inertizzazione dei fanghi derivanti dai depuratori civili con la loro distribuzione in campagna quali fertilizzanti.

Ricordiamo anche che i primi cinque centri per spandimenti al momento sono #Gambolò (47.910 tonnellate all’anno), #Mortara (35.398), #Vigevano (31.231), #Garlasco (26.333), #Tromello (25.563).

Siamo gli unici ad avere il dubbio che in una zona a VOCAZIONE AGRICOLA come la provincia di Pavia, si sia perso di vista l’obiettivo della tutela della #salute e dell’#alimentazione collettiva ?

 

Please follow and like us:

Parona e 8 anni di rifiuti radioattivi

Era in 2011 quando arrivarono da Ambivere (BG) i #rifiuti #radioattivi che ancora stazionano in un capannone della Intals a Parona Lomellina (PV).

120 tonnellate di rifiuti radioattivi- Radio 226 – che sembrerebbe siano conservati  in cassoni coperti da teli, inadeguati da quando sono arrivati.

Della loro esistenza si cominciò a occuparsene solo quattro anni più tardi MA solo di recente è stata definita una collocazione ritenuta più sicura per la salute pubblica e per l’ambiente, decidendo di trasferirli a poche centinaia di metri in un capannone che è stato attrezzato per accogliere rifiuti radioattivi e che in parte fungerà anche da magazzino….

Ma tra il dire e il fare c’è di mezzo la burocrazia, che non trova il giusto  equilibrio: se è vero che è stato deciso il trasferimento è vero anche che ancora non è stato attuato e a Parona Lomellina, oltre alla #diossina dell’#inceneritore e i #fanghi agli #idrocarburi possiamo aggiungere anche i #rifiuti #radioattivi tra gli ingredienti dei prodotti alimentari tipici locali.

…  e buon appetito a tutti

 

 

Please follow and like us:

2022: anno nuovo, inceneritore nuovo

Ebbene sì, il 2022 si avvicina e così pure la data termine per la realizzazione della terza linea dell’inceneritore di Parona Lomellina (PV).

In una zona già provata dal punto di vista ambientale, a dispetto dell’incremento della #raccolta differenziata, si continueranno a IMPORTARE #rifiuti da altre regioni per poter mantenere la nascente terza torre.

Diossine e polveri sottili, malattie respirato­rie, cardiocircolatorie, alterazioni endocrine, immunitarie e neurologichetassi, malattie tumorali ….   non sono argomenti sufficientemente persuasivi per abbandonare il progetto: il business deve andare avanti.

Economia Circolare, recupero dei materiali, gestione virtuosa dei rifiuti rimangono un tabù.

Ma i CITTADINI cosa ne pensano?

 

Please follow and like us: