La discarica di amianto è pronta, ma i cittadini ?

Tutto è pronto per iniziare l’attività alla DISCARICA di AMIANTO di Ferrera Erbognone (PV). Manca solo il nulla osta e il prossimo mese potrebbero arrivare i primi camion.

Chissà che nel mentre qualcuno si ricordi dei CITTADINI che vivono nei pressi di questo enorme complesso, CITTADINI che non hanno mai voluto questo ulteriore scempio sulla loro terra, CITTADINI che saranno le prime ignare vittime future di eventuali errori di valutazione odierni, CITTADINI che non vengono neppure menzionati nelle rassicurazioni che vengono date nel video che postiamo….

https://www.telepavia.tv/2019/03/08/fine-lavori-alla-discarica-di-amianto-di-ferrera/?fbclid=IwAR3Y0SQDLXyToydi8LLtwSTTdDwvcd39iEA5EXiMc72Q1W6W41VQnNjulkI

http://www.rifiutiamoci.it/riso-e-amianto-dalla-lomellina-presto-sulle-nostre-tavole/

Please follow and like us:

RIFIUTI e AMIANTO a PIEVE DEL CAIRO: la locandina dell’evento

Nella Sala polifunzionale del comune di Pieve del Cairo (Pv) in via Piazza Guglielmo Marconi 6, il 22 Febbraio si svolgerà una serata a tema “RIFIUTI e AMIANTO”.

Invitiamo i cittadini a partecipare: parleremo di RIFIUTI e AMIANTO perché tra  la nascente DISCARICA DI AMIANTO e gli spargimenti di FANGHI  nei pressi di due INCENERITORI in una zona a VOCAZIONE AGRICOLA sembra si sia perso il punto di vista primario: la tutela della nostra SALUTE e dell’AMBIENTE che ci circonda.

Teniamo alta l’attenzione con una serata che affronti queste tematiche e non diamoci per vinti, ma soprattutto RifiutiAMOci di SUBIRE passivamente! Combattiamo la cecità istituzionale e la cecità di molti cittadini che ancora giustificano certe politiche scellerate, informandoci e informando.

Parliamo di RIFIUTI e AMIANTO il 22 Febbraio ore 21 a Pieve del Cairo (PV), partecipiamo numerosi.

http://www.rifiutiamoci.it/lamianto-non-perdona/

http://www.rifiutiamoci.it/riso-e-amianto-dalla-lomellina-presto-sulle-nostre-tavole/

http://www.rifiutiamoci.it/inizio-lavori-alla-discarica-di-ferrera-erbognone/

Please follow and like us:

A come Accanimento

Accanimento territoriale, di questo si può parlare nella provincia di Pavia: una provincia a VOCAZIONE AGRICOLA più spesso alla ribalta per questioni ambientali poco virtuose.

Nella provincia di Pavia sono presenti due #inceneritori – a Parona Lomellina e Corteolona – che invece di pensare a essere dismessi per correre verso una gestione “rifiuti zero” (http://www.zerowasteitaly.org/), saranno presto ampliati per bruciare rifiuti provenienti da altre regioni.

Molte le aziende che gestiscono #fanghi e a breve un nuovo colosso sarà attivo in quel di Mortara, insediamento NON voluto dai cittadini ma che comunque presto entrerà in funzione.

Ai piedi di una delle più grandi raffinerie d’Europa – a Ferrera Erbognone – si è autorizzata una delle più grandi discariche di #amianto europee, NON voluta dai cittadini ma che comunque presto entrerà in funzione, pur con ricorsi pendenti.

Non manca neanche la #radioattività: a Parona Lomellina sono stipati da anni rifiuti radioattivi che attendono di avere una collocazione consona al loro grado di pericolosità e l’acqua di Mortara negli anni scorsi ha avuto presenze di cesio 137 giudicate non pericolose.

Sempre a Parona Lomellina ricordiamo che dal 2011 vige il divieto di mangiare uova delle proprie galline a causa dei costanti elevati livelli di #diossina presenti.

E non dimentichiamo i numerosi incendi spontanei di #rifiuti che hanno caratterizzato gli ultimi anni, in particolare a Mortara e Corteolona.

A come Accanimento quindi, accanimento al degrado di una terra bellissima sempre più violata dagli interessi umani poco lungimiranti nel curarla e conservarla.

 

 

 

Please follow and like us:

Riso e Amianto dalla Lomellina, presto sulle nostre tavole

Continuano i lavori nella #discarica di #amianto di Ferrera Erbognone, a dispetto dell’iter autorizzativo non ancora concluso.

In una zona a VOCAZIONE AGRICOLA già provata dal punto di vista ambientale,  la posizione strategica dove si sta realizzano la discarica di amianto in fase di realizzazione dista poche decine di metri dalla raffineria Eni e poche decine metri da importanti gasdotti,  oleodotti e metanodotti, in un contesto di CAMPI COLTIVATI e RISAIE

Con le 700.000 tonnellate che andrà ad ospitare, dalla discarica di amianto si eleverà una collina di 6 metri e guardandone la cima continueremo a domandarci: ma il PRINCIPIO DI PRECAUZIONE tanto decantato nel diritto ambientale a tutela della #salute e dell’#alimentazione collettiva, che fine ha fatto?

 

 

Please follow and like us:

SANNAZZARO, il 26 ottobre parliamo di RIFIUTI: la locandina e i relatori dell’evento

Nella Sala Lunghi della Biblioteca Comunale di Sannazzaro de’ Burgondi (Pv) in via Giuseppe Mazzini 80 si svolgerà una serata a tema “RIFIUTI”

Invitiamo i cittadini a partecipare: parleremo di RIFIUTI perché tra la raccolta differenziata con sacco unico, gli spargimenti di FANGHI e l’inizio lavori della DISCARICA di AMIANTO in una zona a VOCAZIONE AGRICOLA sembra si sia perso il punto di vista primario: la tutela della nostra SALUTE e dell’AMBIENTE che ci circonda.

Teniamo alta l’attenzione con una serata che affronti queste tematiche e non diamoci per vinti, ma soprattutto RifiutiAMOci di SUBIRE passivamente! Combattiamo la cecità istituzionale e la cecità di molti cittadini che ancora giustificano certe politiche scellerate, informandoci e informando.

Parliamo di RIFIUTI il 26 ottobre ore 21 a Sannazzaro de’ Burgondi (PV), partecipiamo numerosi

Please follow and like us:

Inertizzare e riutilizzare l’AMIANTO? si può! La storia di MICROWASTE

Nel settore della bonifica opera da una paio d’anni Microwaste, una startup di I3P l’incubatore universitario italiano di Torino, per affrontare in modo ecologico su scala nazionale e internazionale, il problema dei rifiuti contenenti #AMIANTO

La startup converte i rifiuti contenenti amianto in un materiale SICURO mediante impianti mobili, basati su tecnologia a microonde. Il processo di inertizzazione consiste nel riscaldamento ad alte temperature dell’amianto (1000-1500 0C), che ne modifica completamente la sua struttura chimica e lo rende INNOCUO per l’uomo e l’#AMBIENTE. Tale trattamento permette di eliminare completamente la cancerogenicità di questo materiale e si trasforma in Atonit, che, aggiunto al cemento, crea un o speciale composto da costruzione con proprietà simili al cemento pozzolanico.

Meglio che finire in discarica?

https://www.tekneco.it/ambiente/amianto-da-rifiuto-a-risorsa-l-idea-di-microwaste

Please follow and like us: